Riconoscimento d’oro al prestigioso premio internazionale IWC

L’International Wine Challenge (IWC) è uno storico concorso inglese, creato dallo scrittore Robert Joseph, che si tiene dal 1984 in Inghilterra, il più importante insieme al Decanter Wine Awards. Il rigoroso processo valutativo implica che ogni vino il quale abbia vinto una medaglia al concorso sia stato degustato in tre occasioni separate, da parte di almeno 10 giudici diversi. 

Dopo ogni tranche vengono annunciati i premi Oro, Argento, Bronzo e menzione d’onore. All’International Wine Challenge partecipano giudici esperti provenienti da tutto il mondo, molti dei quali possiedono la laurea di Master of Wine (MW). Ciò garantisce che i vini all’IWC siano valutati solo dai palati più esperti e rispettati. I viticoltori italiani hanno avuto un anno eccezionale all'International Wine Challenge 2017, ricevendo il suo più grande numero da medaglie dal 2011 con un totale di 646. 

L'Italia ha ricevuto 39 Oro, 238 Argento e 369 Bronze, al terzo posto, dopo la Francia E l'Australia. L'Italia ha ricevuto sei medaglie d'oro per i suoi vini spumanti, tra cui due per i Prosecco. I tifosi del favorito italiano saranno ansiosi di degustare le medaglie d'oro, tra cui il Prosecco doc Spumante Brut 075 Carati NV di Piera Martellozzo 1899. I vini Prosecco hanno ricevuto 101 medaglie: 2 Oro, 18 Argento, 25 Bronzo, e il resto Commended.

La cantina Piera Martellozzo 1899 ha vinto anche la medaglia d’argento con il Tabbor Rosso Friuli doc della linea Selezionedi, un blend di Merlot e Cabernet Sauvignon affinato per dodici mesi in barrique e altri tre mesi in bottiglia. Un’altra medaglia d’argento è andata al Terre Magre Sauvignon DOC Friuli Grave 2016, un vino che regala sentori vegetali evidenti di salvia, note di peperone e foglia di pomodoro accompagnate da profumo di albicocca, frutta esotica e pompelmo.

Condividi: